Bando Sicurezza ed Efficientamento Energetico: fino a 10.000 euro di contributo per le imprese

BANDO IMPRESA SICURA

ED EFFICIENTAMENTO ENERGETICO 2018-19

 

Bando di Regione Lombardia che mette a disposizione 9 milioni di euro complessivi (cui si aggiunge un altro milione da parte delle Camere di Commercio lombarde) rivolto alle MPMI con sede operativa/unità locale in Lombardia del commercio e dell’artigianato (ATECO precedenti bandi sicurezza eventualmente integrabili) che intendano effettuare investimenti per l’acquisto di impianti di sicurezza antirapina o per pagamenti (linea A) e/o di efficientamento energetico e riduzione dell’impatto ambientale (linea B).

I. DESCRIZIONE SINTETICA DELL’AGEVOLAZIONE
I potenziali beneficiari possono partecipare al bando proponendo una candidatura al fine di ottenere, su una o entrambe le misure, un contributo in conto capitale con intensità di aiuto del 50% così strutturato:
fino a € 5.000 di contributo su investimenti minimi di € 3.000 per la linea A (sicurezza);
fino a € 10.000 di contributo su investimenti minimi di € 5.000 per la linea B (efficientamento/sostenibilità).
Le domande saranno valutate attraverso una procedura valutativa che terrà conto dell’ordine cronologico, mentre le risorse saranno eventualmente concesse compatibilmente al regime aiuti de minimis con erogazione successiva alla rendicontazione dei beneficiari delle spese sostenute, le quali devono essere successive alla data di richiesta del contributo.

II. SPESE AMMISSIBILI
MISURA A – SICUREZZA
Sono ammesse a contributo le spese per l’acquisto e relativa installazione (ivi compresi montaggio e trasporto), al netto dell’IVA, dei seguenti sistemi innovativi di sicurezza e dispositivi per la riduzione dei flussi di denaro contante:
a) sistemi di videoallarme antirapina, sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso, sistemi antintrusione con allarme acustico e blindature (incluso il potenziamento e irrobustimento di strutture esistenti con dispositivi di sicurezza aggiuntivi ed escluse le opere murarie/edilizie), dispositivi antirapina consentiti dalle normative vigenti come nebbiogeni, tappeti sensibili, pulsanti antipanico, pulsanti e pedane antirapina, sistemi biometrici e telecamere termiche;
b) casseforti, sistemi antitaccheggio, metal detector, serrande, inferriate, saracinesche, vetri, vetrine e porte antisfondamento e/o antiproiettile, porte blindate, automazione nella gestione delle chiavi;
c) sistemi di pagamento elettronici;
d) sistemi di rilevazione delle banconote false;
e) dispositivi aggiuntivi di illuminazione notturna esterna.
MISURA B – SOSTENIBILITA’
Sono ammesse a contributo le spese per l’acquisto e relativa installazione (ivi compresi montaggio e trasporto), al netto dell’IVA, delle seguenti attrezzature innovative finalizzate alla minimizzazione dei consumi di energia:
a) Attrezzature specifiche per uso professionale per il lavaggio delle stoviglie di categoria non inferiore ad A ++ secondo il Reg UE 1059/2010 e successive modifiche e integrazioni, impianti e attrezzature per il riciclo dell’acqua e la riduzione dei flussi e degli scarichi idrici.
b) Lavatrici specifiche per uso professionale di categoria non inferiore ad A++ secondo il Reg UE 1061/2010 e successive modifiche e integrazioni e asciugatrici di categoria non inferiore ad A++ secondo il Reg UE 392/2012 e successive modifiche e integrazioni.
c) Lavatrici professionali a secco limitatamente a quelle a circuito chiuso e a distillazione continua, che utilizzano per la pulitura solo idrocarburi.
d) Attrezzature specifiche per uso professionale per il freddo (frigoriferi, celle frigorifere, congelatori, surgelatori, abbattitori termici, armadi frigoriferi, e simili) di categoria non inferiore A++ secondo i Regolamenti UE 1060/2010 e successive modifiche e integrazioni e UE 1094/2015 e successive modifiche e integrazioni (ad esclusione di condizionatori, impianti di climatizzazione e simili salvo quanto previsto al punto e).
e) Attrezzature specifiche per uso professionale per la cottura/caldo limitatamente a forni elettrici o micro onde di categoria non inferiore ad A++ secondo il Reg. Delegato UE 65/2014 e successive modifiche e integrazioni.
f) Impianti per la climatizzazione degli ambienti e la produzione di acqua calda sanitaria, quali:
•caldaie a condensazione con classe di efficienza energetica non inferiore a A++ (Reg. UE 811/2013)
•pannelli solari termici
•pompe di calore per la produzione di acqua calda sanitaria con COP ≥ 2,6
•pompe di calore elettriche per la climatizzazione con COP ≥ 3,8
•pompe di calore a gas con COP ≥1,46
g) Cappe di aspirazione dei fumi di categoria non inferiore ad A++ secondo il Reg. Delegato UE 65/2014 e successive modifiche e integrazioni.
h) Componenti delle attrezzature/degli impianti di cui ai precedenti punti a), b), c), d), e), f), g) di classe energetica non inferiore a quelle previste ai precedenti punti per le attrezzature e gli impianti oggetto di intervento (es. motore del frigorifero di categoria non inferiore A++).
i) Raffrescatori/raffreddatori evaporativi portatili o fissi che non richiedono l’utilizzo di fluidi refrigeranti.
j) Sistemi di monitoraggio dei consumi energetici dell’impresa.
k) Attrezzature per interventi finalizzati a migliorare l’efficienza energetica dei sistemi per l’illuminazione quali lampade Led regolabili (con “dimmer”) almeno di categoria A+, con appositi dispositivi di regolazione e/o alimentazione e/o
trasformazione secondo il Reg. UE 874/2012; impianti a sensore di presenza a spegnimento automatico.

II. CRONOLOGIA DELLA PROCEDURA
– 15 Dicembre 2019: termine per rendicontazione e richiesta di erogazione saldo.
– Giugno 2019: decreto di concessione contributi;
– Febbraio 2019: apertura bando per 3 settimane

IV. PROCEDURA DA SEGUIRE E PROFESSIONISTA A DISPOSIZIONE
Confesercenti Como mette a disposizione di tutte le imprese interessate ad effettuare gli investimenti e a godere dei contributi un professionista dedicato: l’architetto Simone Cichella contattabile al 327.2409564

Condividi: